Al Kenshinkan dojo si pratica Karate antico di Okinawa, stile Shorinji Ryu, della scuola Zentokukai. Karate Antico Kenshinkan Dojo - corsi di Karate antico a Reggio Emilia

Karate Antico

Esistono storicamente solo due generi di karate: quello giapponese moderno e quello classico di Okinawa, o “karate antico”, di cui molti ancora ignorano l’esistenza. È il karate che si praticava fino ai primi decenni del ‘900, l’epoca di Gichin Funakoshi, prima che egli semplificasse quanto apprese dai suoi Maestri per poterlo esportare più facilmente in Giappone e farlo diventare una forma tradizionale di educazione fisica adatta alla massa, completamente sradicata dal passato. Le scuole moderne giapponesi fanno riferimento a fondatori che hanno modernizzato il karate scollegandolo del tutto dalle sue radici e il loro albero genealogico è “lungo”, per così dire, al massimo una settantina d’anni circa. Prima di esse non c’è nulla, cioè nascono come rielaborazioni moderne di scuole che invece avevano lunghissimi alberi genealogici risalenti in alcuni casi fino al 1600.

Lo stile Shorinji-Ryu Kyan Ha

Al Kenshinkan Dojo di Reggio Emilia si insegna il Karate antico di Okinawa nello stile Shorinji Ryu Kyan-Ha di Shimabukuro Zenryo Sensei (1909-1969), l' allievo che rimase più a lungo sotto la guida del Maestro Chotoku Kyan O-Sensei (1870-1945), il quale si oppose con tutte le sue forze ai venti di cambiamento e modernizzazione che soffiavano sul Tode di Okinawa nei primi del '900.

Kyan mantenne inalterato il metodo di insegnamento dell'Arte, che era personalizzato in base al singolo praticante e alle sue caratteristiche fisiche e mentali, e non lo adattò all'insegnamento di massa come invece avvenne sotto gli auspici di Itosu e del governo Giapponese; la modernizzazione ha eliminato molto del bagaglio tecnico del Tode originale.

Per questo attraverso i Kata originali tramandati dal Maestro Kyan si studiano molti elementi che fanno parte del Tode di Okinawa, come il KIKO (lo sviluppo dell'energia interna, il TUITE (prese e leve), ATEMI (colpire e parare), il KYUSHO (l'arte di conoscere e colpire i punti vitali), il KOBUDO (utilizzo di oggetti come armi, ad esempio il bastone), l'HOJO UNDO (utilizzo di attrezzi specifici per potenziare gli arti e il corpo).

Al Kenshinkan non si pratica per gare o altre competizioni, ma si pratica per se stessi e per il piacere di farlo, imparando l'autodifesa, per benessere, ed è adatto a tutti.

Origini e lignaggio

Lo Zentokukai è stato creato da una grande tradizione e da un autentico lignaggio di Karate. Il suo obiettivo è quello di preservare gli insegnamenti trasmessi a noi e allo stesso tempo permettere e promuovere l'evoluzione naturale di questa arte viva, che per natura deve evolversi mentre si muove nel tempo come un individuo che attraversa le fasi da principiante a professionista avanzato.
Lo Zentokukai è molto orgoglioso della sua ricca tradizione che favorisce le virtù del vecchio mondo che forniscono sapienza e conoscenza. Allo stesso tempo, riconferma la necessità di adattarsi affinché questi antichi insegnamenti si inseriscano nel nostro mondo e nella cultura moderna.
Il nostro lignaggio è chiaro e fornisce un percorso diretto verso alcuni dei grandi karateka della vecchia Okinawa. C'è ricchezza e bellezza nel sapere chi sei e da dove provieni.

Chotoku Kyan
Chotoku Kyan è nato nella classe elevata dell’antica Okinawa e a causa dei suoi natali ha avuto accesso a molte grandi arti marziali di Okinawa. L'eredità di Kyan per noi è un corpo unico di conoscenze da sei grandi maestri che poi si è modellato in uno stile completo.

“Non vantarti mai delle tue capacità nel karate, perché c'è sempre qualcuno che è meglio di te”

Chotoku Kyan

Zenryo Shimabukuro Sensei
Nacque a Shuri e all'età di 24 anni si trasferì nel villaggio di Chatan dove inizio la pratica con Kyan Sensei e con cui rimase fino alla fine. Dopo la morte di Kyan, Shimabukuro apri il proprio Dojo da cui nacque il Seibukan, dal quale nacque poi lo Zentokukai. Morì nel 1969.

" Non usare mai le mani e i piedi, quando la mente e la voce possono fare un lavoro migliore"

Zenryo Shimabukuro

Significato del simbolo 

Cosa rappresenta il logo Zentokukai viola?
Il simbolo di Zentokukai è una rappresentazione del sigillo della famiglia Kyan (pronuncia: "Chan" nella vecchia lingua di Okinawa Hogen), come mostrato dal padre di Chotoku, indossando un cappotto tradizionale che porta metà del sigillo da entrambi i lati. Questo simbolo è da noi esibito con orgoglio e rispetto perché rappresenta il Karate di Kyan.
Il colore viola nell'antica Okinawa ha rappresentato la regalità e un alto status nella corte del castello di Shuri (antica capitale del regno). Le barre incrociate rappresentano il telaio (struttura in legno) di un vecchio pozzo d'acqua. I Kyan erano discendenti di 11 ° generazione dal Re Shosei del Regno Ryukyu. Il padre di Kyan, Chofu, era  un alto funzionario dell'ultimo Re vivo di Okinawa, il Re Shotai.

Significato del nome

Cosa significa il Kanji (caratteri giapponesi) per Zentokukai?
Zentokukai è una combinazione di due nomi di Okinawa, lo ZEN proviene da Zenryo (Shimabukuro Zenryo) e il TOKU proviene da Chotoku (Kyan Chotoku). Questa combinazione dei nomi è una pratica vecchia e comunemente adottata da gruppi e organizzazioni di arti marziali che desiderano seguire gli insegnamenti di più insegnanti. Il "KAI" significa "associazione".

Kata

Kata (letteralmente: "forma") è una parola giapponese che descrive modelli dettagliati di movimenti praticati solo o in coppia. Il Kata serve come sistema per trasmettere un corpo di conoscenza da una generazione all'altra, e come modello per l'applicazione delle tecniche di karate in schemi predefiniti per l'utilizzo di parate, pugni, prese, leve articolari, calci e altri fondamentali di base dell'applicazione di karate.
Lo Zentokukai insegna i Kata di Chotoku Kyan che era uno dei maggiori maestri di Karate di Okinawa e non è stato mai sconfitto durante molti scontri. E’ stato uno dei primi maestri di Karate a connettere i Kata appresi da molti insegnanti diversi in un sistema completo. In Okinawa i suoi Kata sono considerati "vecchio stile".
L'aumento di livello nella pratica non dipende dalla quantità di Kata che si conosce, ma nella conoscenza complessiva, nel livello di abilità e nella capacità di utilizzare efficacemente le tecniche di combattimento contenute all'interno di un Kata.

Il programma Zentokukai non prevede Kata di base, tutti Kata sono considerati uguali.
Quello che rende ogni Kata avanzato è l'abilità e il carattere della persona che lo fa.